Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg
  • Aogoi
  • Notiziario
  • Studio UE: evitabile una morte su tre. Al primo posto il cuore. Poi ictus e tumori del colon retto. Italia poco al di sotto della media

Studio UE: evitabile una morte su tre. Al primo posto il cuore. Poi ictus e tumori del colon retto. Italia poco al di sotto della media

6 luglio - In tutto sono state 575mila le morti che si sarebbero potute evitare nel 2015. Le percentuali più elevate di decessi evitabili in Romania (48,6%) e Lettonia (47,5%), seguite da Lituania (47,0%) e Slovacchia (44,2%). La quota era inferiore a un quarto in Francia (23,6%) e tra il 25% e il 30% in Belgio (26,0%), Danimarca (26,6%), Paesi Bassi (28,1%) e Polonia (29,9%). L’Italia è al 32% dei decessi evitabili rispetto alla media Ue del 33,1 per cento. 

Nell'Unione europea, 1,7 milioni di persone con meno di 75 anni sono morte nel 2015. Di queste, oltre 571.000 (il 33,1% dei decessi totali) potrebbero essere considerate come evitabili (127 decessi per 100.000 abitanti). La variazione rispetto al 2014 è trascurabile, a dimostrazione che queste cifre sono piuttosto stabili nel breve periodo.

In altre parole, secondo uno studio Eurostat, una morte su tre nell'Ue avrebbe potuto essere evitata alla luce delle conoscenze mediche e della tecnologia.

Gli attacchi di cuore (oltre 180.500 decessi evitabili, il 32% delle morti totali evitabili di persone di età inferiore a 75 anni) rappresentano la maggior parte dei decessi potenzialmente evitabili nell'Ue. 

Sono seguiti da ictus (più di 89.600 morti, il 16%), tumori del colon-retto (più di 66.800, 12%), tumori al seno (circa 49.900, 9%), malattie ipertensive (30.400, 5%) e polmonite (quasi 26.000, 5%).

Le proporzioni delle morti potenzialmente evitabili attraverso l'assistenza sanitaria ottimale variano considerevolmente tra gli Stati membri. 
Le percentuali più elevate di decessi evitabili sono state registrate in Romania (48,6%) e Lettonia (47,5%), seguite da Lituania (47,0%) e Slovacchia (44,2%). 

La quota era inferiore a un quarto in Francia (23,6%) e tra il 25% e il 30% in Belgio (26,0%), Danimarca (26,6%), Paesi Bassi (28,1%) e Polonia (29,9%).

L’Italia è al 32% dei decessi evitabili rispetto alla media Ue del 33,1 per cento

Il concetto di morte evitabile significa che alcuni decessi (per specifiche fasce di età e specifiche malattie) avrebbero potuto essere "evitati" e non si fossero verificati in questa fase se ci fosse stata un'assistenza sanitaria tempestiva ed efficace.

L'indicatore sulla mortalità prevenibile (una morte è prevenibile se si sarebbe potuta evitare con migliori stili di vita e, comunque, interventi di prevenzione) o sui decessi evitabili  dovrebbe essere utilizzato in un contesto globale delle valutazioni delle prestazioni del sistema sanitario. 

L'Ue sta attribuendo un'importanza crescente alla valutazione delle prestazioni dei sistemi di assistenza sanitaria. Sebbene l'indicatore di mortalità accettabile non sia inteso come una misura definitiva o unica della qualità dell'assistenza sanitaria negli Stati membri, fornisce alcune indicazioni sulla qualità e sulle prestazioni delle politiche sanitarie in un paese.

In tutti gli Stati membri dell'Ue un numero considerevole di decessi può essere considerato potenzialmente evitabile e le variazioni dipendono dalla dimensione della popolazione degli Stati membri. 
Tra gli Stati membri, i più bassi tassi di mortalità accettabili nel 2015 sono stati rilevati per Francia, Spagna, Paesi Bassi e Lussemburgo. All'altro estremo ci sono Lituania, Lettonia, Romania e Bulgaria, con alti tassi di morti potenzialmente evitabili.

Le cifre per la mortalità prevenibile sono più alte di quelle per la mortalità evitabile a causa della definizione più ampia di decessi evitabili. Nel 2015, più di 1 milione di morti (o 216 decessi per 100.000 abitanti) avrebbe potuto essere prevenuto attraverso migliori interventi di sanità pubblica. Queste cifre sono di nuovo molto simili ai dati del 2014. Gli Stati membri con i più bassi tassi di mortalità evitabili nel 2015 sono l'Italia, Cipro, Spagna e Malta; mentre gli Stati membri con i più alti livelli di decessi potenzialmente evitabili sono la Lituania, l'Ungheria, la Lettonia e la Romania.

Il numero totale di decessi che potrebbero essere potenzialmente evitati attraverso interventi sanitari e sanitari efficaci è stato di poco più di 1,2 milioni nel 2015.

La distribuzione di malattie e condizioni che causano morti sia prevenibili che evitabili varia leggermente per uomini e donne. Mentre per gli uomini la principale causa di mortalità accettabile in termini percentuali è la cardiopatia ischemica, per le donne è il tumore al seno.

Per la mortalità prevenibile, la causa principale per gli uomini è di nuovo le cardiopatie ischemiche seguite dal cancro del polmone, mentre le lesioni accidentali, il cancro al polmone e al seno sono ugualmente importanti cause di decessi evitabili per le donne.
 
 

 

 

 

menu
menu