Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg
  • Aogoi
  • Notiziario
  • Fecondazione assistita. L’inquinamento dimezza le possibilità di successo

Fecondazione assistita. L’inquinamento dimezza le possibilità di successo

4 maggio - Uno studio coreano ha messo in evidenza come l’inquinamento atmosferico riduca, quasi dimezzandole, le possibilità di gravidanza per le donne che seguono cicli di fecondazione assistita. 

(Reuters Health) –Le donne che seguono cicli di fecondazione assistita, se esposte quotidianamente a elevati livelli di inquinamento dell’aria, potrebbero avere meno probabilità di rimanere incinte e di portare avanti la gravidanza rispetto alle donne che vivono in località meno inquinate.

È quanto sostiene uno studio sudcoreano pubblicato da Human ReproductionSeung-Ah Choee colleghi, della School of Medicine della Cha University e della clinica della fertilità Cha di Seoul, hanno analizzato i tassi di gravidanza relativi a più di 6.600 cicli di fecondazione in vitro (Ifv) nell’arco di nove anni, riscontrando tassi di concepimento ridotti e un aumento degli aborti tra le donne esposte ai massimi livelli di cinque tipi di inquinamento dell’aria.

Lo studio
I ricercatori hanno esaminato le cartelle di 4.581 donne che si sono sottoposte a uno o più cicli di fecondazione assistita in vitro dal 2016 al 2014. Inoltre, si sono serviti dei dati sul monitoraggio dell’inquinamento a livello distrettuale provenienti da 40 punti della città per valutare l’esposizione oraria media di ogni donna, nel corso dei trattamenti, a diossido di nitrogeno, monossido di carbonio, diossido di zolfo, ozono ePM 10. 

Il team ha successivamente analizzato gli effetti di ciascun agente inquinante in ognuna delle quattro fasi del processo di fecondazione assistita, effettuando un test ormonale per rilevare una gravidanza in fase iniziale e un altro successivamente per confermare o meno la gravidanza. L’età media delle donne era di 35 anni e a metà di esse erano sati impiantati due o più embrioni.

I risultati
Nel complesso, circa il 51% delle pazienti è riuscito a rimanere incinta. In ogni ciclo, il tasso di aborto biochimico era pari a 9,4%. Per gravidanze intrauterine, successivamente confermate, il tasso di aborto per ciclo è stato del 38%. Le fasi critiche per l’aborto erano la prima e la terza del processo di fecondazione assistita. Durante la fase iniziale, una maggior esposizione a diossido di nitrogeno e monossido di carbonio era legata a riduzioni del 7% e del 6% delle possibilità di avere una gravidanza intrauterina. 

Durante la terza fase, una maggiore esposizione a diossido di nitrogeno, monossido di carbonio e PM 10 era anche associata al 7-8% in meno di probabilità di gravidanza intrauterina. Inoltre, l’esposizione a diossido di nitrogeno e PM 10 era legata al 17% e 18% in più delle possibilità di aborto biochimico.



Fonte: Hum Reproduction 2018

Mary Gillis

(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

 

 

menu
menu