Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg
  • Aogoi
  • Notiziario
  • Approvato dal Senato il DDL sulla responsabilità professionale! La definitiva approvazione da parte della Camera dei Deputati attesa a breve.

Approvato dal Senato il DDL sulla responsabilità professionale! La definitiva approvazione da parte della Camera dei Deputati attesa a breve.

11 gennaio – Grande soddisfazione dai vertici della ginecologia italiana per l’approvazione al Senato del ddl sulla responsabilità professionale e la sicurezza delle cure.

Trojano e Chiàntera: “Una legge attesa da oltre 30 anni. Ora tempi rapidi alla Camera"

“Oggi il Senato ha approvato a larga maggioranza un provvedimento atteso dal nostro settore da oltre 30 anni, per tutelare il diritto dei pazienti ad avere un assistenza professionale altamente adeguata dando al contempo serenità agli operatori sanitari. Ora, per l’ approvazione definitiva del disegno di legge, manca ancora un ultimo passaggio alla Camera che auspichiamo possa avvenire in tempi rapidi”. Con queste parole il vicepresidente della Società italiana di ginecologia e ostetricia (Sigo) Vito Trojano, e Antonio Chiàntera, segretario nazionale dell’Associazione ostetrici ginecologi ospedalieri italiani (Aogoi) hanno commentato il via libera da parte dell’Aula di Palazzo Madama al disegno di legge sulla responsabilità professionale. 

“Ricordiamo che l’iter legislativo di questo provvedimento, che riunisce diverse proposte di legge parlamentari, è durato oltre 6 anni. Aogoi, Sigo, Agui e Cic, a nome degli oltre 70mila medici rappresentati, ringraziano gli onorevoli Federico Gelli, Benedetto Fucci e Raffaele Calabrò, ed i senatori Amedeo Bianco, Luigi d’Ambrosio Lettieri ed Emilia Grazia De Biasi per l’impegno e la vicinanza mostrataci in tutti questi anni. Va a loro riconosciuto il merito di aver saputo operare, al di là delle appartenenze politiche, al servizio delle Istituzioni, facendo sì che anche la legislazione italiana possa finalmente essere in linea con quella degli altri Paesi europei in questo settore”, concludono Trojano e Chiàntera.
 

menu
menu